testata curtatone2018

 

Piazza Corte Spagnola 3, Montanara di Curtatone
46010 Curtatone - Mantova

P.IVA 00427640206
Fax 0376 358169 PEC: comune.curtatone@legalmail.it

youtubefacebook

Cosa si può fare

Bastano alcune accortezze per ridurre di molto il riprodursi ed il diffondersi delle zanzare nei nostri spazi vitali.

La pratica di alcuni semplici gesti da parte di tutti è il vero segreto per vincere la sfida contro le zanzare. Anche gli interventi che può svolgere il Comune, tra l'altro, rischiano di risultare poco efficaci se non accompagnati dall'impegno di tutti, ciascuno nelle proprie aree private.

Elenchiamo qui di seguito alcune semplici azioni che vanno svolte da ciascuno di noi:

COSA SI PUO' (E SI DEVE) FARE PER..

RIDURRE LA DIFFUSIONE DELLE ZANZARE

Alcuni semplici interventi possono essere utili a ridurre la diffusione delle zanzare (soprattutto "tigre"):

In orti e giardini: coprire con coperchi ermetici, teli di plastica o zanzariere ben tese, tutti i contenitori utilizzati per la raccolta dell'acqua piovana da irrigazione (cisterne, secchi, annaffiatoi, bidoni e bacinelle).

In cortili e condomini:

  • pulire un paio di volte all'anno tombini e pozzetti;
  • applicare una zanzariera a maglia fine sopra il tombino per impedire alle zanzare di deporvi le uova;
  • durante la stagione umida, trattare ogni 15 giorni circa i tombini e le zone di scolo e ristagno con prodotti larvicidi.

Nelle grondaie: verificare che siano pulite e non ostruite. Nei cimiteri: introdurre il prodotto larvicida nei vasi di fiori freschi o sostituirli con fiori secchi o di plastica.

Nei sottovasi: non far ristagnare acqua al loro interno e, se possibile, eliminarli.

Negli abbeveratoi di animali: cambiare quotidianamente l'acqua e lavarli con cura.

In primavera e nei mesi più caldi: risulta utile effettuare trattamenti larvicidi nelle aree umide delle zone maggiormente infestate (fognature, luoghi di ristagno e raccolta di acqua piovana, ecc.).

In tutte le aree all'aperto:

  • non accumulare, all'aperto, copertoni e altri contenitori che possono raccogliere anche piccole quantità di acqua stagnante; se ciò non fosse possibile, svuotarli da eventuale acqua, disporli a piramide e coprirli con un telo. Per i materiali che non possono essere coperti, effettuare idonea disinfestazione entro 5 giorni dopo la pioggia;
  • non lasciare che l'acqua ristagni sui teli utilizzati per coprire cumuli di materiali;
  • non abbandonare oggetti e/o contenitori che possono raccogliere e trattenere acqua piovana (ad esempio, innaffiatoi o secchi, piscine gonfiabili, ecc.);
  • non svuotare l'acqua dei sottovasi o altri contenitori nei tombini; Si ricordi che è poco efficace effettuare interventi di disinfestazione adulticida su aree aperte, nel periodo estivo. E' molto più utile e molto più economico prevenirne la formazione.

PROTEGGERSI DALLE PUNTURE

Nel nostro Paese possono essere utilizzati repellenti quando si soggiorna all'aperto, oppure insetticidi e zanzariere per gli ambienti chiusi. Durante i viaggi in aree a rischio è importante adottare le comuni misure per evitare le punture di insetti e prevenire le malattie trasmesse dalle diverse specie di zanzare, tra le quali anche la malaria.

IN CASO DI SINTOMI DI MALATTIA DA CHIKUNGUNYA

Benché non vi siano terapie specifiche per tale malattia virale, è comunque consigliabile rivolgersi al proprio medico, specie nei casi con sintomatologia più rilevante (febbre alta, brividi, cefalea, nausea, vomito, dolore articolare e talora macchie emorragiche cutanee), riferendo se vi sono stati soggiorni all'estero.

Il Comune di Curtatone ha attivato una apposita procedura di sicurezza per la cittadinanza, nel caso si manifestino casi di chikungunya, al fine di evitare ulteriori contagi. La patologia va affrontata con estrema serietà e tempestività (rivolgendosi urgentemente al proprio medico o alle altre strutture sanitarie), senza tuttavia lasciarsi mai prendere dal panico.

StampaEmail