testata curtatone2018

 

Piazza Corte Spagnola 3, Montanara di Curtatone
46010 Curtatone - Mantova

P.IVA 00427640206
Fax 0376 358169 PEC: comune.curtatone@legalmail.it

 istagramyoutubefacebook

Il Museo dei Madonnari

madonnari x webIl Museo comunale dei Madonnari, recentemente riaperto dopo una fase di riallestimento reso possibile dal contributo di Regione Lombardia e da un gruppo di volontari, è un luogo nato per conservare e trasmettere l’arte del disegno e del dipinto alla “maniera dei Madonnari”.

Il Museo, la cui gestione è affidata alla Pro Loco di Curtatone, è diretto dalla storica dell'arte Paola Artoni, conserva ed espone un consistente numero di opere di Maestri Madonnari: capolavori unici e creazioni del tutto originali si mescolano a riproduzioni su pannelli e cartoncini di opere eseguite precedentemente sulle piazze.

L’allestimento, a cura di Fausto Salomoni (che fa parte dello staff con don Stefano Savoia e Anna Salvaterra, rispettivamente referenti del museo per l'arte sacra e per la Scuola d'Arte madonnara), si snoda in un percorso tematico esemplificativo dell’evoluzione artistica di quest’arte effimera: si passa dai lavori dei primi Madonnari, custodi degli antichi e semplici stili delle arti di strada, alle sperimentazioni contemporanee incentrate sull’abilità tecnica dell’artista.

Si possono, così, ammirare opere di pionieri Maestri del gessetto – quali Vittorio Caringella, Francesco Morgese o Francesco Prisciandaro – che da autodidatti dipingevano con gessi, polveri, carboncini e terre e con una certa rapidità d’esecuzione forme semplici ed incisive, assieme ai lavori freschi e naif di Straccetto-Toto De Angelis, ma anche dipinti che offrono l’illusione della tridimensionalità – come quelli di Kurt Wenner, che ha fatto dell’abilità tecnica il proprio tratto distintivo – oppure opere, come quella di Mariano Bottoli, basate sul fenomeno ottico dell’anamorfismo, per cui l’immagine che a prima vista appare distorta diventa riconoscibile se osservata attraverso uno specchio curvo.

Un’ulteriore particolarità del Museo è costituita da una serie originale di formelle di terra battuta – amalgamata con paglia su di un supporto di rete metallica, seccata al sole, trattata con albume e successivamente dipinta – sulla falsariga dei materiali disponibili agli albori della pittura madonnara, quando gli strumenti e le sostanze moderne ancora non esistevano.

Da questa sperimentazione nascono composizioni inedite di rara bellezza, in cui le screpolature naturali della terra, più o meno accentuate, esaltano il disegno ed i colori utilizzati.

Una saletta espositiva è dedicata alle mostre temporanee che, via via, approfondiscono alcune specifiche tematiche mentre una parete è decorata con un'Annunciazione ispirata ad Andrea del Sarto e realizzata dalla Maestra Maria Cristina Cottarelli in occasione della riapertura nei primi mesi del 2018.

Piazzale Santuario - angolo Madonna della Neve 29 - Grazie di Curtatone (MN)

Telefono: 0376 349122

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 


Orari di apertura:

SABATO dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle ore 16.00 alle 18.00

DOMENICA dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle ore 16.00 alle 19.00

Ingresso contingentato (max 5 persone simultaneamente)

Tags: fiera delle grazie, grazie, madonnari, museo

StampaEmail